Menù



Pannelli solari con serbatoio integrato

La struttura di questi pannelli è decisamente particolare: il serbatoio e l’assorbitore sono contenuti in un unico blocco e l’energia solare giunge direttamente per scaldare l’acqua, senza l’interposto lavoro del fluido termovettore. Il serbatoio è ricoperto dall’assorbitore e in genere, al suo interno, è presente anche un resistenza che può riscaldare l’acqua in caso di assenza prolungata di sole (o nell’eventualità si abbia bisogno di una quantità maggiore di acqua calda).
Seguendo le leggi fisiche della convenzione, l’acqua scaldata dal sole aumenta di tempeatura, si espande, diminuisce di densità e si spinge verso l’altro prendendo il posto dell’acqua fredda. Così, con un moto convettivo, si riesce a scaldare l’intera massa di acqua presente all’interno del blocco.
Questi pannelli generalmente sono consigliabili per quelle zone che non sono troppo fredde e che non abbiamo inverni troppo lunghi e rigidi. Essendo così costituiti, con l’abbassarsi delle temperature l’acqua all’interno del pannello rischia di congelarsi danneggiando gravemente l’impianto.
Facili da trasportare e da montare, hanno un costo relativamente basso e sono perfetti per gli usi termici per una casa vacanza estiva.

Comments Off

Commenti chiusi.