Menù



Risparmiare l’energia elettrica domestica

Chi ha installato un impianto fotovoltaico per la produzione domestica di energia elettrica, ha già fatto una scelta consapevole in termini di costi, consumi e rispetto dell’ambiente. Esistono però preziosi accorgimenti che consentono di ridurre ulteriormente le spese relative al consumo di energia elettrica nelle nostre case. Le lampadine per l’illuminazione rivestono solo una piccola fetta della nostra spesa elettrica: l’80% di ciò che consumiamo è infatti legato all’utilizzo (spesso improprio) degli elettrodomestici.

correntejpg

Illuminazione:

- preferire le lampadine a basso consumo energetico, sostituendo quelle a filamento di tungsteno e le alogene;

- prediligere illuminazioni mirate piuttosto che illuminazioni diffuse in tutta la stanza, concentrando la luce solo dove effettivamente serve (limitando anche gli sforzi della nostra vista);

- installare sensori di passaggio ad infrarossi tarati per 30 secondi di illuminazione, se di notte si ha la necessità di accendere le luci all’occorrenza (all’ingresso di casa ad esempio)

Elettrodomestici – lavatrice:

- preferire lavaggi a bassa temperatura

- acquistare lavatrici con Classe A di consumo

- cercare di riempire sempre il cestello ad ogni ciclo di lavaggio

Elettrodomestici – frigorifero:

- acquistare frigoriferi con Classe A di consumo

- aprire gli sportelli del frigorifero solo quando è necessario e per breve tempo

- lasciare nella parte posteriore dell’elettrodomestico uno spazio adeguato per l’areazione

Elettrodomestici – computer:

- considerando che un pc fisso acceso in media 4 ore al giorno per 300 giorni all’anno produce una spesa di circa 120 euro all’anno, si può valutare l’acquisto di un notebook che per le stesse prestazioni ha bisogno di appena 10 euro all’anno di consumi energetici (e non ha bisogno di un gruppo di continuità per sopperire ad eventuali interruzioni di corrente

Elettrodomestici – televisore:

- preferire schermi LCD fino ai 20 pollici (gli LCD da 40 pollici possono consumare anche 600-700 watt)

- spegnere completamente l’apparecchio quando non si utilizza, evitando di lasciarlo in stand-by

Un buon consiglio è infine l’installazione e l’utilizzo di un timer programmabile che interrompa completamente il consumo di energia elettrica da parte di tutti gli elettrodomestici collegati alla corrente, ad orari prefissati e preimpostati (compresa la centralina dell’impianto fotovoltaico).

67 Commenti »

Commenti chiusi.